Quali sono le principali alternative a Teamviewer?

Quando c’è bisogno di prestare assistenza da remoto, senza poter fisicamente mettere mano al computer sul quale si vuole intervenire, è possibile utilizzare un software come TeamViewer. Viene usato tantissimo, ad esempio, per lavorare da casa propria su un computer aziendale o magari per accedere a programmi del proprio pc tramite tablet. Insomma, il suo utilizzo è davvero trasversale, grazie alla sua semplicità è utilizzato tanto dai professionisti quanto dagli utenti privati.

Là fuori però non c’è solo TeamViewer. Ecco una lista di ottime alternative a Teamviewer.

Splashtop (funziona sui sistemi operativi di Windows e Mac OS X, e i sistemi operativi mobili di Android e iOS)

Ottimo perché: permette di collegare ben cinque computer, ha una grafica minimale molto intuitiva e ha delle funzionalità piuttosto ricercate che ti permettono di fare di più rispetto ad altri software simili.

È ottimizzato per i dispositivi mobili e tanti utenti lo utilizzano per veder in streaming i contenuti del proprio computer su tablet senza bisogno di trasferimenti di file lunghi e pesanti (vedi alla voce: guardare i film scaricati sul proprio pc comodamente sul tablet portatile).

Attenzione a: Splashtop ha una versione gratuita ridotta, se ti interessano tutte le funzionalità disponibile è necessario acquistare la licenza.

Supremo (solo per sistemi operativi Windows: da XP fino a Windows 10)

Ottimo perché: leggero, veloce, sicuro. Senza configurazioni complicate permette il trasferimento di file tramite la gestione di schermi multipli sempre con grande attenzione alle sicurezza (tutti i flussi sono criptati). Ideale per i meeting che avvengono a distanza: il trasferimento di file avviene molto semplicemente trascinandoli da un desktop all’altro, lo possono usare tutti gli utenti, anche i meno esperti di tecnologia.

Attenzione a: per i file grossi può impiegare anche diversi minuti. La versione gratuita è utilizzabile solo per uso personale, mentre sarà necessario acquistare la versione PRO per scopi professionali.

LogMeIn (utilizzabile per sistemi operativi di Windows e Mac; e su sistemi operativi mobili di iOS e Android)

Ottimo perché: senza dover fare trasferimenti, LogMeIn ti permette tanta funzionalità da remoto, come: vedere filmati e ascoltare audio, stampare documenti remoti su stampanti locali.

Attenzione a: per l’utilizzo è necessario come primo step creare un profilo online. È molto semplice, ma richiede un passaggio in più rispetto agli altri software. Come per gli altri programmi descritti sopra, anche LogMeIn ti permette di fare diverse operazioni con la versione gratuita ma solo con quella a pagamento hai a disposizione tutti gli strumenti ai fini professionali.

Iperius Remote (sì per Windows Xp, Vista, 7, 8 e 10)

Ottimo perché: è semplicissimo, avendo solo poche funzioni base. Ideale per chi ha necessità di fornire assistenza da remoto o condividere file.

Attenzione a: la grafica non è il massimo, un po’ trascurata e vecchio stampo, ma questa è una questione puramente estetica. Fantastico per uso personale per piccole attività, poco funzionale per chi ha bisogno di strumenti di condivisione più sofisticati.

Chrome Remote Desktop (compatibile su Linux, Mac e Windows)

Ottimo perché: si tratta di un’estensione di Google Chrome che ti permette di utilizzare anche mouse e tastiera per un’interazione sul desktop remoto davvero perfetta.

Attenzione a: non ha controindicazioni, ha un approccio molto semplice.