Come scegliere lo smartphone migliore

Acquistare un nuovo smartphone, è al giorno d’oggi una necessità che si presenta di media ogni 2-3 anni, poiché anche la persona meno avvezza alla tecnologia, vorrà e dovrà stare al passo coi tempi.

Per scegliere un nuovo smartphone abbiamo bisogno di guardare a determinati parametri:

  1. Il Display

Quando acquistiamo uno smartphone è sempre necessario comprendere che tipo di display vogliamo possieda. Le scelte infatti sono molteplici e tutte con vantaggi e svantaggi. Possiamo optare per il classico display LCD a cristalli liquidi, ad oggi ancora il più utilizzato per il mercato degli smartphone che monta un pannello retroilluminato.

Oppure usufruire della tecnologia AMOLED basata sul carbonio, con piccoli LED installati uno ad uno su ogni pixel, che emettono luce propria in base alla quantità e al tipo di stimolo elettrico ricevuto.

Il vantaggio principale della tecnologia AMOLED è la mancanza di un pannello di retroilluminazione che abbatte di certo peso e spessore dello smartphone. Tuttavia, usufruire della tecnologia AMOLED per il display comporta un notevole aumento dei costi.

Esiste poi una terza possibilità, quella della tecnologia Retina, supportata dai display dei prodotti Apple. Si basa in realtà sul’idea che arrivati ad una data densità di pixel per pollice quadrato (PPI) gli occhi non siano più in grado di cogliere alcuna differenza in relazione all’incremento della risoluzione, arrivando ad uniformare i pixel per percepire ciò che si sta guardando sul display come un’ immagine omogenea e compatta.

  1. Hardware

Uno smartphone deve essere realizzato seguendo delle precise indicazioni di mercato. Parlando di hardware, è opportuno guardare le caratteristiche di CPU, GPU e RAM.

CPU sta per Control Processing Unit ed è, in parole più semplici, il processore che elabora tutte le informazioni.

GPU invece sta per Graphics Processing Unit ed è in altre parole, il reparto grafico del processore, che si occupa quindi di elaborare le immagini e rendere fluidi i video o i giochi sullo smartphone.

La RAM, Random Access Memory, è la memoria temporanea del dispositivo che si occupa di mantenere temporaneamente aperte una o più applicazioni nello stesso momento.

Questi tre parametri devono essere, per uno smartphone di ultima generazione decisamente tenuti in considerazione, specie se abbiamo bisogno di un cellulare che possa supportare applicazioni dal peso importante.

  1. Sistema Operativo

Una delle battaglie più ardue è sicuramente quella per la scelta del sistema operativo. In vendita esistono principalmente dispositivi con tre sistemi operativi: Android, iOs e WIndows Mobile.

Android è sicuramente il più diffuso e quello che dimostra la massima compatibilità con diversi smartphone e infatti sono molteplici le case produttrici che si affidano a questo sistema operativo per i propri dispositivi. Innanzitutto possiede possibilità di miglioramento personalizzabili per i più esperti ed è a livello di costi uno dei più economici.Inoltre per le nuove versioni, è stata introdotta la modalità multitasking (che permette ad esempio di guardare video su YouTube e contemporaneamente navigare in internet affiancando le due finestre di lavoro e scegliendo anche se ridimensionare una o l’altra).

iOs è il sistema operativo in uso sugli smartphone Apple (tutti gli IPhone, per intenderci). Supporta Siri, l’assistente digitale Apple che aiuta a svolgere diverse funzioni sui dispositivi. Certo iOs è dal punto di vista delle applicazioni disponibili un po’ più limitato ma è pur vero che è il sistema operativo più sicuro rispetto all’attacco di possibili virus.

Windows Mobile invece è il sistema operativo per smartphone di casa Microsoft. Giunto purtroppo ad un quasi abbandono (i dati parlano di una percentuale di dispositivi interiore al 4 % nel 2016) è stato recentemente rilanciato con una nuova versione che promette davvero bene.

  1. Autonomia

Partiamo da un presupposto. Qualsiasi smartphone si acquisti, è necessario saperne fare buon uso per arrivare a fine giornata (e in alcuni casi anche a due giorni dopo) con una batteria ancora carica.

I display a piena luminosità consumano molto, così come diverse applicazioni di uso comune.

In ogni caso gli smartphone migliori in circolazione al momento montano batterie anche da 6000 mAh che garantiscono anche 3 giorni di autonomia e si ricaricano completamente in circa due ore. Senza però puntare a batterie così performanti, ci si può accontentare di sicuro di tutto ciò che supera i 4000 mAh.

  1. Fotocamera

Quando parliamo di smartphone, certo non ci riferiamo ormai più ai soliti telefoni cellulari che servivano solo a chiamare e ricevere messaggi.

Uno degli utilizzi maggiori di questi dispositivi infatti è quello legato alla fotocamera, utilizzata per immortalare momenti importanti ma altrettanto utile anche in situazioni più comuni. Ecco perché scegliere uno smartphone vuol dire guardare anche alle caratteristiche della fotocamera (anzi sempre più spesso delle fotocamere).

Cosa dobbiamo guardare nell’elenco delle caratteristiche? Innanzitutto la qualità del sensore fotografico e quanti megapixel supporta. Per avere degli scatti accettabili, bisogna salire oltre i 12 Mpx.

Un’altra caratteristica importante è sicuramente la velocità di scatto e l’apertura del diaframma. Esattamente come se si stesse scegliendo una macchina fotografica. Altri importanti fattori da considerare sono sicuramente la messa a fuoco e la semplicità di utilizzo dei software di scatto e modifica delle foto.

  1. Costo

Nella scelta di un nuovo smartphone bisogna innanzitutto porsi un budget minimo e massimo di spesa e in base a quello cercare un dispositivo che soddisfi tutti i requisiti minimi di base.

Nella fascia media (tra i 150 ed i 300 euro) esistono certamente prodotti in grado di soddisfare l’utente medio che non ha grandi esigenze di velocità di elaborazione dei dati o che magari si accontenta di uno schermo più piccolo o meno performante.

Se invece si prevede di spendere una cifra maggiore è ovvio che in base a quanto si eleva il budget si troveranno man mano dispositivi sempre migliori.

Salendo fino al limite del migliaio di euro troviamo ovviamente gli ultimi dispositivi prodotti da Samsung e Apple.

  1. Piattaforma di vendita

Quando siamo in procinto di acquistare un nuovo smartphone possiamo rivolgerci ad un rivenditore fisico degli ormai quasi scomparsi negozi delle nostre città, o ad un maxistore dell’elettronica o ancora acquistare da internet.

Tutte tre le soluzioni sono valide poiché offrono vantaggi e svantaggi che bisogna valutare personalmente.

Comprare da un rivenditore vicino vuol dire infatti ricevere sicuramente un assistenza immediata in caso di problemi e meno complicazioni nel caso in cui ci dovesse essere l’eventualità di far valere la garanzia. Di contro, maxistore e internet offrono di certo prezzi più competitivi e una varietà di scelta molto più ampia.

Nonostante sembri di barcamenarsi tra diversi aspetti tuttavia, scegliere uno smartphone è principalmente una faccenda personale. Seguendo questa piccola guida siamo certi riuscirete a trovare il dispositivo perfetto per voi o per la persona a cui è destinato.